mercoledì 8 febbraio 2012

Responsabilità civile



L'altro giorno ero in attesa del mio turno presso lo sportello dell'ufficio della polizia municipale di Imperia. Davanti a me una ragazza con un bimbo piccolo nel passeggino e una letterina minacciosa in una mano... nell'altra il bollettino di due anni fa che attestava il pagamento della multa.
Dietro di me un uomo anche lui con due fogli in mano, la lettera minatoria e la prova che la multa fu pagata a suo tempo.

Ai due veniva contestato il mancato pagamento di una multa di un paio di anni or sono, entrambi invece quella multa l'avevano pagata e per loro fortuna possedevano il "bollettino postale smarrito".

Domando:
come sono possibili queste sviste???

Vorrei capire chi, come e perchè può commettere certi grossolani errori. Equitalia, polizia municipale, poste italiane?
Vorrei capire se questo per lo Stato Italiano è considerato risanamento dei conti. E' giustizia Sociale?
Vorrei capire per quale motivo un onesto cittadino debba conservare i pagamenti delle multe passate e sia sua cura perdere due ore di lavoro (o più) per andare a dimostrare che lui ha già pagato.

Chiudo, vi immagginate se a un cliente il venditore chiedesse a due anni di distanza il pagamento di una fattura già saldata?
Minimo perdi il cliente perchè lui penserà che ci stai provando.
Bene, ora prova a chiedergliela praticamente raddoppiata con tanto di letterina terrorizzante e vediamo come va a finire...

Etichette: , ,

2 Commenti:

Alle 16 febbraio 2012 17:19 , Anonymous fandorin ha detto...

Tutto giusto, tutto condivisibile, ma "immagginare" con la doppia "g" non si puo'' vedere.... :-)

 
Alle 16 febbraio 2012 20:53 , Blogger LL ha detto...

igggnorante che sono!!!!

;-)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page

Questo sito web denominato "RUMORSRISPARMIO" e' un "blog", ovvero per definizione un diario online. Il sito non è curato e redatto a scopo di lucro, ma piuttosto per semplice passione per gli argomenti trattati. Non vi è alcuna altra motivazione aldilà di questa passione personale e non vi è alcun interesse economico collegato neppure in via indiretta. In questo sito si possono leggere riflessioni e valutazioni sul mondo della Borsa e della finanza che derivano sempre e comunque da conoscenze e percezioni strettamente soggettive, parziali e discrezionali. Dunque assolutamente e costantemente soggette a possibili errori di interpretazione e valutazione. Pertanto, cio' che in questo sito si puo' leggere non puo' essere considerato e non intende peraltro in alcun modo rappresentare sollecitazione del pubblico risparmio o consulenza all'investimento. Quello che qui e' possibile leggere e' da ritenersi per definizione e in ogni caso sempre inadatto ad essere utilizzato per reali strategie di investimento. Di conseguenza, si sconsiglia chiunque nel modo piu' assoluto e categorico di agire in questo senso. Si precisa che questo sito internet non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge numero 62 del 7.03.2001.